Mazzeo e Marotta: “L'emozione più bella? La gioia dei tifosi”

Vota questo articolo
(0 Voti)

marotta mazzeo 05052016Fabio Mazzeo: “La promozione in B con il Benevento è stata la più grande soddisfazione della mia carriera. Vincere per una piazza che aveva tanto sofferto è stata una emozione bellissima. Prima del fischio iniziale contro il Lecce e vedere gli spalti stracolmi è stato stupendo. Mister Auteri è il migliore

della categoria. Siamo stati bravi ad ascoltarlo e i risultati si sono visti sul campo. I miei gol più belli? Senza dubbio gli ultimi due. Progetti futuri? Ho un contratto con il Benevento e sarei onorato giocare la serie B con questa maglia”. Alessandro Marotta: “Il gol più bello? Quelli di Mazzeo senza dubbio. Auteri? L'impatto con il mister è stato pesante. Per fortuna andavamo tutti nella stessa direzione e lo abbiamo seguito in tutto. Mossa intelligente, in quanto sono arrivati sia i gol che i risultati. Il mister ha grandi qualità, oltre ad avere idee di gioco elevate, è una persona che accetta il confronto con tutti, senza portare mai rancore. Gol? Quello fatto di tacco è stato spettacolare, mi è venuto d'istinto. Preferisco però la tripletta con la Casertana, soprattutto perché era importante vincere. L'emozione più bella? Vedere tutti quei tifosi piangere e ringraziarci. Ho capito l'importanza di questa promozione. Un traguardo storico. Tra vent'anni si ricorderanno ancora di noi e questo mi rende fiero. Merito della società? É stato fondamentale non stravolgere troppo la rosa dello scorso anno. Poi gli acquisti di Gennaio con Lopez ed Angiulli hanno definito questo gruppo magnifico. Fututo? Spero di continuare qui a Benevento e giocare in serie B con questi colori”.

Sonia Iacoviello

Letto 5746 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Caccia alle Streghe

Utenti on line

Abbiamo 557 visitatori e nessun utente online

Altri Amici

 

webmaster: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.