L'ultima gara dei prossimi avversari
Lunedì 12 Dicembre 2016 00:00
Questo articolo è stato letto: 925 volte

bolognaDi Francesco chiama, Ljajic risponde. E alla fine Bologna-Torino termina sull'1-1, risultato sostanzialmente giusto per quanto visto sul campo del Dall'Ara.

Un punto a testa per Donadoni e Mihajlovic, che scelgono moduli speculari per la prima uscita stagionale: il 4-2-3-1. Tra gli emiliani c'è Poli sulla trequarti, posizione che il neo acquisto rossoblù aveva già occupato nel Milan allenato da Clarence Seedorf. Assieme all'ex Milan, Verdi e appunto Di Francesco a ispirare Destro. C'è una novità offensiva anche tra i granata, con Berenguer che completa il trio con Ljajic e Iago Falque ad assistere Belotti. È proprio del Gallo il primo squillo del match, con un colpo di testa terminato a lato. Sembra il preludio a una gara a forti tinte granata. Sembra, appunto.

perla di serata — Perché di lì a poco arriva la perla di Di Francesco. Un gol speciale per una serata altrettanto speciale: sotto gli occhi del c.t. Ventura, il numero 14 rossoblù decide di regalare alla prima giornata di Serie A la rete copertina con un bolide mancino che si va a infilare sotto l'incrocio, dove Sirigu proprio non può arrivare. "Venivamo da una settimana difficile, ci voleva una reazione così soprattutto per i nostri tifosi - dichiara Di Francesco a fine gara ai microfoni di Sky -. Gol per il c.t. Ventura? Non sapevo fosse allo stadio, ma sono contento".
PARI LJAJIC — Il punto del vantaggio scioglie gli emiliani, impauriti dopo il k.o. di Coppa Italia per mano del Cittadella (0-3), e al contempo congela i granata di Mihajlovic. Rivitalizzati, però, dal numero 10: ci pensa Ljajic a mettere le cose a posto, costruendosi l'azione che lo porta al tiro dal limite sul quale Mirante non è perfetto e combina un mezzo pasticcio. Il sipario sul primo tempo cala sul risultato di parità.
ripresa da... var — Nella ripresa la mole di occasioni diminuisce: Mirante si riscatta, almeno parzialmente, con un paio di interventi decisivi sullo stesso Ljajic e su Iago Falque, mentre lo scatenato Di Francesco rischia di far venire giù il Dall'Ara con un altro gol da sogno. C'è spazio, anche per il giallo Var: lo speaker dello stadio prima ne comunica il mancato utilizzo, poi il successivo ripristino. Giusto in tempo per far arrabbiare Mihajlovic, che lascia il campo protestando con Massa per un gol annullato (per fuorigioco iniziale di Belotti, che però aveva ricevuto dopo il tocco di Destro) a Berenguer a pochi minuti dal gong. Non c'è più spazio per cambiare ancora il risultato: Bologna e Torino cominciano la loro stagione con un pareggio.

BOLOGNA (4-2-3-1): Mirante; Torosidis, De Maio, Maietta, Masina; Pulgar, Taider (36’ st Palacio); Verdi (36’ st Krejci), Poli (25’ st Donsah), Di Francesco; Destro. A disposizione: Ravaglia, Santurro, Gastaldello, Helander, Krafth, Maietta, Mbaye, Nagy, Petkovic. Allenatore: Donadoni

TORINO (4-2-3-1): Sirigu; Zappacosta, Nkoulou, Moretti, Molinaro; Acquah, Obi (31’ st Rincon); Iago Falque, Ljajic, Berenguer; Belotti. A disposizione: Milinkovic-Savic, Ichazo, De Silvestri, Buongiorno, Bonifazi, Barreca, Edera, Parigini, Aramu, De Luca, Sadiq. Allenatore: Mihajlovic

ARBITRO: Massa di Imperia

MARCATORI: 27' pt Di Francesco (B), 33’ Ljajic (T)

NOTE: Ammoniti: De Maio (B), Pulgar (B), Rincon (T). Angoli: 0-8 per il Torino. Recupero: 1' pt, 4' st.


 
UA-27233065