Benevento, DS ed Allenatore in conferenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

 

 

E' terminata poco fa la conferenza stampa indetta da Pasquale Foggia e Fabio Caserta per illustrare le mosse del Benevento in vista della prossima stagione.

FOGGIA
"La rabbia rimane dentro perché siamo arrivati a una semifinale play off, eravamo a un passo da un traguardo diverso ma le cose non sono andate come speravamo. Rimane la voglia e la consapevolezza di ripartire con quella rabbia positiva in più. Sul mercato ci muoveremo in base anche alle uscite. Abbiamo richieste per i nostri pezzi pregiati da Lapadula a Glik, da Ionita ad Insigne a Moncini. Con il Genoa abbiamo quasi definito per Paleari e stiamo lavorando per Vogliacco che vorrebbe restare con noi. Del resto il Genoa è retrocesso e dovrà ricostruire la rosa per la Serie B. Il presidente Vigorito ha parlato di campionato dignitoso. Abbiamo alle spalle un anno di lavoro, c'è una base di calciatori per la categoria importante. Verranno inseriti calciatori puntando a un mix di esperti e di giovani di qualità. Sarà il campo a dare il giudizio finale, sicuramente faremo un campionato dignitoso, poi vedremo dove arriveremo, inutile sbandierare al momento gli obiettivi finali. Lapadula per noi è un calciatore importante al pari di Glik che, però, anndrà al Mondiale e questo sarà un aspetto importante. Valuteremo anche questi aspetti prima di muoverci sul mercato. Il calcio senza i tifosi ha poco senso perché quando si dice il dodicesimo uomo in campo è perché realmente è così. La speranza è quella di rivedere lo stadio pieno, ma questo passa da ciò che proponiamo attraverso il lavoro quotidiano. La notizia di Vigorito che vuole ripartire, credo abbia fatto fare un sospiro di sollievo a tutti gli amanti del calcio, non solo a Benevento. Perdere una persona come lui farebbe perdere credibilità a tutto il sistema."
 
CASERTA
"C'è consapevolezza di aver fatto un campionato importante che poteva finire meglio. Con tutte le problematiche che ci sono state abbiamo fatto una buona stagione. Sicuramente c'è amarezza ma è da essa che bisogna ripartire. L'allenatore viene sempre messo in discussione ma fa parte del mio lavoro. Cerco di migliorare giorno dopo giorno insieme a tutti. Non è stato un anno facile, ma possiamo far ricredere tutti solo attraverso il lavoro giornaliero. Riparto con la voglia e la determinazione di fare una stagione importante. Vedremo in base alla rosa che avrò a disposizione ma ripartirò con le stesse idee e lo stesso sistema di gioco anche se il modo di scendere in campo dipende sempre dai calciatori a disposizione. Sarà un campionato ancora più difficile, con squadre che hanno un blasone non indifferente. Cercheremo di fare sempre il massimo, provando ad arrivare il più in alto possibile. Sarà una sorta di A2, dovremo essere bravi ad affrontarlo al massimo  mettendo da parte quello appena concluso. Ho commesso degli errori, così come credo tutti. Ho iniziato a fare questo mestiere da pochi anni, quindi credo sia normale. Gli errori li commettono anche i grandi allenatori. Rifarei tutto ciò che ho fatto, poi l'esperienza ti porta a migliorare sotto alcuni aspetti. Se andiamo ad analizzare l'intera annata, per arrivare a giocarti certe partite vuol dire che hai fatto un percorso importante per arrivare a giocarti la serie A fino alla fine. Dobbiamo ripartire da lì, limitando le cose negative e aumentando quanto di buono c'è stato sia nel singolo che nel collettivo". 
Letto 901 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Caccia alle Streghe

Meteo

Parse error in downloaded data

Utenti on line

Abbiamo 544 visitatori e nessun utente online

Altri Amici

 

webmaster: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.