Sottil: "Ci è mancato il guizzo per riaprirla"

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

 

 

Andrea Sottil ha commentato in conferenza stampa il ko dell'Ascoli contro il Benevento:

"Mi fa arrabbiare per come abbiamo preso i due gol. Ci abbiamo lavorato molto, la cosa che mi dispiace è che quando l'avversario, fortissimo davanti, ma prendere due gol con dieci uomini dietro la palla fa arrabbiare. Dovevamo essere più bravi e precisi. Non ha funzionato l'attenzione. Quando la partita si mette cosi in salita non è facile contro un avversario cosi forte. Dovevamo essere pronti e disinvolti davanti a queste situazioni".

La velocità degli avversari può aver messo in difficoltà l'Ascoli: "Mi aspettavo un avversario veloce. In difesa non siamo alti e prendiamo le infilate in velocità. C'eravamo preparati per coprire più lo spazio, mi sorprende come degli ottimi difensori che ho, ma il collettivo in sè, non si sia mosso bene. Perdi 2-0 e sembra che non si è mai stati in partita ma non è cosi. Non siamo stati concentrati sui gol".

Cosa salva della prestazione: "Abbiamo cercato di cambiare il ritmo della partita. Abbiamo avuto più peso in avanti, ma ci è mancato il guizzo per riaprire la partita per poi fare un forcing finale. Passano i minuti, non riesci a sfondare e diventa tutto più complicato. Dobbiamo essere equilibrati e lucidi nell'analizzare la partita".

L'Ascoli ne esce ridimensionato: "Non mi sono mai esaltato ne ridimensionato. Sono una persona equilibrata, non ho mai parlato di esaltazione. Io sono sempre lo stesso, devo analizzare la partita nei 100 minuti, cosa non ha funzionato e insieme ai ragazzi cercare di andare a capire dove migliorare e cos non ha funzionato. Si va avanti perchè la strada è tracciata. Abbiamo perso e dispiace averlo fatto davanti ai tifosi, mi fa male cosi come ai ragazzi".

tuttoascoli

Letto 389 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Caccia alle Streghe

Meteo

Parse error in downloaded data

Utenti on line

Abbiamo 531 visitatori e nessun utente online

Altri Amici

 

webmaster: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.