Le decisioni della Figc arriveranno dopo il Tar

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

 

 

Tutto rinviato. Il Consiglio federale, dopo aver indicato nella data odierna il termine perentorio per definire gli organici dei campionati professionistici, alla luce delle bocciature e dei ricorsi al Tar del Lazio ha deciso di aspettare. Le società bocciate sono 5: Chievo in B, Carpi, Casertana, Novara e Sambenedettese in C. Tutte (in dubbio solo la Casertana) faranno ricorso al tribunale amministrativo dopo aver ricevuto le motivazioni delle sentenze del Collegio di Garanzia del Coni e, con un provvedimento monocratico, avranno l’udienza nei prossimi giorni (2-3 agosto). L’unica decisione del Consiglio Figc sugli organici è stata in Serie C la sostituzione del Gozzano, che dopo aver vinto la D aveva rinunciato. Al suo posto, scorrendo la graduatoria del playoff di D, dopo la rinuncia dell’Aglianese (prima) e la bocciatura di FC Messina (secondo), in sostituzione arriva il Picerno (terzo).

La Figc ha scelto la linea della prudenza per evitare l’ammissione di squadre in sovrannumero: proprio nella riunione in cui è stata discussa la riforma di campionati - che prevederà una riduzione delle squadre - è stata considerata controproducente l’eventualità di un allargamento degli organici. In soldoni: se la B dovrà scendere a 18 squadre dal 2024, sarebbe assurdo adesso vederla salire a 21. Solo dopo la sentenza del Tar dunque potranno essere definiti gli organici, con l’eventuale riammissione del Cosenza in B al posto del Chievo e i vari ripescaggi in C al posto delle squadre nuovamente bocciate. E quello che sarebbe dovuto essere deciso oggi, slitta di almeno una settimana.

gazzetta.it

Letto 555 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Caccia alle Streghe

Meteo

Parse error in downloaded data

Utenti on line

Abbiamo 575 visitatori e nessun utente online

Altri Amici

 

webmaster: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.