Monopoli e Martina restano in Lega Pro

Vota questo articolo
(0 Voti)

newslegaproMonopoli-Ischia 1-2
Vince l'Ischia, ma è il Monopoli a festeggiare la permanenza nei professionisti: un ko dolcissimo per i biancoverdi, che al primo anno di Lega Pro dopo il ripescaggio della scorsa estate conquistano una salvezza sofferta ma meritata. L'Ischia, sconfitto 3-0 all'andata, mette sul campo il cuore e si impone 2-1 al Veneziani, ma si tratta della classica vittoria di Pirro:

gli ospiti partono a tutta birra, impegnano Pisseri in varie occasioni e segnano due reti prima dell'intervallo con Florio (gran conclusione al volo) e Kanoute, ma non riescono a completare l'impresa e così nel finale i padroni di casa dimezzano il gap con Bacchetti, sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Playout fatali per gli isolani, a differenza dello scorso anno.

Melfi-Martina Franca 0-0
La roulette dei playout premia il Martina Franca, che durante la stagione regolare ne ha vissute di tutti i colori: la squadra pugliese centra una salvezza clamorosa, a seguito dello 0-0 ottenuto sul campo del Melfi (ma soprattutto grazie all'1-0 dell'andata con gol in pieno recupero di Baclet). I lucani, a cui basterebbe un solo gol per evitare la retrocessione, attaccano fin dalle prime battute ma lo fanno in modo confuso: pochi tiri in porta, nella ripresa il Martina Franca sfiora in contropiede il vantaggio (grande risposta di Santurro su Berardino) ma al 73' è Silvestri a mancare di un soffio il gol che farebbe esplodere i tifosi locali. Nel finale Petta viene espulso per proteste: Melfi nel dramma, i gialloverdi retrocedono dopo ben tredici anni.

datasport

Letto 1615 volte

Lascia un commento

Comportatevi in modo civile e non correrete il rischio di essere bannati dai commenti.
Grazie

Caccia alle Streghe

Meteo

  • 23 Oct 2019

    Partly Cloudy 25°C 13°C

  • 24 Oct 2019

    Partly Cloudy 23°C 12°C

Utenti on line

Abbiamo 431 visitatori e nessun utente online

Altri Amici

 

webmaster: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.