Corvino: "Il Benevento ha giocato in 14"

Vota questo articolo
(0 Voti)

corvino bn ce massimo 0047Il presidente della Casertana Pasquale Corvino ha parlato subito dopo la gara di Benevento.

“Siamo venuti qui convinti di giocarci la partita in un certo modo ma abbiamo trovato un Benevento fortissimo, squadra compatta che lotta per il vertice da tempo. Noi siamo partiti per salvarci, abbiamo provato a rinforzare la rosa a gennaio ma forse abbiamo peggiorato la situazione. Mi dispiace molto per i tifosi che sono venuti in mille qui. Il risultato ha umiliato noi, la città, i tifosi e la società. Oggi erano tutti disponibili, abbiamo avuto un rigore regalato e non ci possiamo lamentare. Dò la colpa a chi fa la formazione, non so se sia Romaniello o altri. Appena ho visto la formazione ho capito che avremmo perso la partita. La difesa è stata disastrosa, catastrofica. Qualcosa non va e spero che domenica vadano in campo altri giocatori. Parlerò con Romaniello per capire cosa è successo. Io sono un presidente, non faccio né calciomercato né altro. Mi avvalgo della collaborazione dei miei soci e mi fido. Questa è una botta troppp pesante, certi atteggiamenti sono stati vergognosi e siamo stati umiliati come città e come tifoseria. Fanno piacere le parole di Auteri, sono state dichiarazioni di compassione ed abbiamo perso anche 6-0. Romaniello é il nostro allenatore fino a fine stagione, è giovane, gli abbiamo dato fiducia, rinforzi e la situazione si è complicata. Il Benevento però ha giocato in 14 perché tre giocatori della Casertana stavano con loro. Non so se metterò qualcuno fuori rosa, ci penserò. La squadra andrà subito in ritiro punitivo, deve riprendersi per non gettare tutto ciò che di buono è stato fatto sin'ora.

Letto 6115 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Caccia alle Streghe

Utenti on line

Abbiamo 644 visitatori e nessun utente online

Altri Amici

 

webmaster: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.