Carli: Ora subito l'allenatore"

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

 

 

Le prime parole ufficiali di Maurizio Carli da Direttore Tecnico del Benevento:

"Sono felicissimo di essere qui, la chiamata di Vigorito è giunta in un momento difficile sia per lui che per me. Nell'ultima mia esperienza ho commesso degli errori che però tengo per me. Dentro ho tanto di positivo da tirare fuori. Al presidente ho detto che sarei venuto solo se avesse avuto entusiasmo, quando ho capito che era carico ho accettato. L'allenatore? Abbiamo parlato delle caratteristiche. Ho le mie idee, il nome ce l'ho in testa. Voglio prendere gente che veda Benevento come qualcosa di straordinario. Per me Benevento è un qualcosa di straordinario, ho sentito l'emozione di venirci. A me non importa la categoria. Nella vita vorrei fare questo, è il mio sogno: sono felice di fare questo lavoro e devo farlo per le mie caratteristiche. Voglio prendere un ragazzo giovane e con entusiasmo, ma deve essere bravo e ci deve piacere. Da qui al 29 agosto, un allenatore si trova. Ci piacere ricominciare e prendere un profilo giovane. Il Benevento non deve avere il problema dell'allenatore, in tanti verrebbero di corsa. Ho ascoltato i ragazzi, non ci ho parlato. Determinante sarà la scelta dell’allenatore perché è una figura che va coinvolta. Qualche giocatore lo vogliamo cambiare, poi ci sono i contratti. Qualche idea ce l’abbiamo, su quattro, cinque nomi siamo abbastanza convinti di doverli cambiare, su altri vedremo. L’idea di fondo, però, è di cambiare il più possibile. Siamo il Benevento, un club che negli anni ha fatto qualcosa di straordinario. Adesso bisogna ricominciare, ripartire. Nessuno vuole perdere, dobbiamo essere bravi a dare un’identità forte a questo club. Abbiamo fatto un programma di tre anni con il presidente perché credo in queste cose, vogliamo gente rinfrescata e pronta per fare un grande campionato. Credo che è quello di cui abbia bisogno la gente, di emozioni. Dobbiamo far ritornare i tifosi allo stadio e falli andare via divertiti, se falliamo in questo abbiamo sbagliato. La prima volta non conoscevo neanche la B , poi se vogliamo ho fatto più danni in serie A al mio quinto anno. Se devo rimproverarmi qualcosa è quella stagione. La C non la vedo da tempo, non la conosco ma non ho paura. So che andremo in campi belli e difficili, non vedo l’ora di andarci. Ho veramente voglia di iniziare a programmare. La categoria non era un problema quando il presidente mi ha chiamato, dovevo solo trovare la chiave per arrivare. L'essere inesperto della categoria va bene, ritornerò ai primi anni che ho iniziato. Galliani mi disse che il calcio è uguale in qualsiasi categoria, nel vedere il Monza in C era emozionato. Questa è la cosa più importante che bisogna trovare. Più vedo che ci sono problemi e più sono carico. Sarà un campionato difficile, per me è un orgoglio andarci e sono strafelice di fare questa avventura. Prendo da esempio questi campi dove si fa calcio vero, non vedo l'ora di andarci. Ci sarà da soffrire, ma anche da gioire. L'entusiasmo ce l'ho da vendere. Sapevo che c’erano delle problematiche, sono tante. Il problema più grosso è trovare la persona giusta che ci conduca a non sbagliare. Lo step principale è non sbagliare il nostro condottiero, mettendolo nelle condizioni di fare il meglio possibile. Con Agostinelli siamo stati a cena, gli ho comunicato la decisione della società. Abbiamo apprezzato il suo lavoro, probabilmente potrebbe rimanere con un altro ruolo, impegnandolo nello scouting perché è una persona di livello. Con noi rimarrà anche Manfredini, gli faremo la proposta perché é un ragazzo che ha qualità tecniche e morali adeguate. Chi rimane, deve rimanere perché è felice a Benevento. Vogliamo mettere più ragazzi possibili nostri, che sono in prestito o nel settore giovanile. Da più soddisfazione fare giocare un giovane, però poi bisogna saperlo aspettare. Io, comunque, sono per i giocatori bravi. La prossima settimana arriverà un mio collaboratore, non voglio fare il nome adesso. Mi darà una mano nelle operazioni di scouting. Quando ho firmato a Vigorito ho detto: in C mi dà questo, se sarò bravo e andremo in B mi darà quest'altro."

Letto 787 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Caccia alle Streghe

Utenti on line

Abbiamo 641 visitatori e nessun utente online

Altri Amici

 

webmaster: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.